Scegliere il software per la Certificazione Energetica:i 6 migliori a confronto
parallax background

Scelta del software per la certificazione energetica: le 8 caratteristiche a confronto.

DomusFab - Calcolo costo dell'architetto
E se ti dicessi che il costo dell’architetto è irrilevante?
25 Maggio 2019

Devi acquistare un software per fare una Certificazione Energetica e non sai decidere quale?

Hai provato a confrontarli…ma ognuno ti dà caratteristiche diverse?

Io mi sono imbattuta negli stessi problemi.

Allora ho deciso di studiare e confrontare le caratteristiche dei 6 principali software per la Certificazione Energetica.

Ecco i passaggi che ho fatto:

  • Mi sono fatta 3 domande per fissare i miei obiettivi

  • Ho fissato le 8 caratteristiche comuni a tutti i software

  • Ho individuato le 6 Aziende leader del mercato

Voglio condividere con te il risultato di questa ricerca

 

 


Le tre domande che devi farti prima di scegliere


 

Molti dei software utilizzati per il calcolo di una Certificazione Energetica sembrano tra loro uguali, con le stesse funzioni e le stesse caratteristiche.

In realtà ciascuno ha alcune particolarità che lo rendono diverso dagli altri e adatto (oppure no) all’uso che devi farne tu.

È da qui che devi iniziare, a chiederti esattamente in che modo vuoi utilizzare questo software.

 

1. A che mi serve questo software?

È importante sapere (o ipotizzare) la frequenza con cui prevedi di utilizzare il software e per ottenere cosa. Ovvero:

  • voglio acquistare il software perché mi occupo spesso di Certificazione Energetica e ne faccio ogni anno in gran quantità?
  • oppure, oltre alla Certificazione Energetica, mi capita spesso di fare anche la Legge 10?
  • o ancora, faccio entrambe, ma solo di tanto in tanto?

Tutti i software hanno un pacchetto base con cui poter fare l’APE. E per un uso saltuario c’è la possibilità di pagare il singolo certificato, senza comprare un software.

Se, invece, il tuo lavoro prevede anche altro, forse è bene cercare un pacchetto più completo.

 

2. Qual è lo specifico ambito del mio lavoro?

La seconda domanda riguarda la tua specializzazione.

Infatti, una cosa è se fai l’ingegnere e hai l’intenzione (e l’opportunità) di progettare impianti se, cioè, hai una specializzazione nel settore.

Ben diverso se sei un progettista che, sporadicamente, si trova a dover fare una Certificazione Energetica. Cambia il livello di esperienza e, probabilmente, le tue prospettive per il futuro.

 

3. Quanto intendo investire?

La terza variabile è l’aspetto economico. I prodotti sul mercato hanno fasce di prezzo molto diverse tra di loro. Si parte da prodotti piuttosto economici a prodotti decisamente costosi.

Sta a te decidere se e quanto vuoi investire in questo settore.

 


Le 8 caratteristiche per valutare un software 


Mi sono concentrata sull’ipotesi base della semplice Certificazione Energetica, comparando i prodotti che ciascuna Azienda mette disposizione.

Alcune caratteristiche sono comuni a tutti i software, altre cambiano e caratterizzano i diversi prodotti.

I 2 elementi comuni

Cominciamo dai due elementi che sono comuni a tutti i Software esaminati: la validazione al CTI e la versione di prova.

  • Tutti i software comparati sono stati validati dal Comitato Termotecnico Italiano (CTI), che verifica la conformità del programma rispetto alle norme tecniche di settore.

           Se il software non è validato, anche la Certificazione Energetica prodotta risulta non valida.

  • Altra caratteristica comune a tutti i software è versione di prova del software(trial), che viene fornita da  tutte le case produttrici.

           Prima di fare una spesa che potrebbe essere significativa, vale senz’altro la pena prendersi un po’ di tempo per provare.

           La versione di prova ti dà, infatti, la possibilità di avvicinarti al programma e verificarne di persona le funzionalità e la facilità di utilizzo.

            Tuttavia queste versioni, di norma accessibili gratuitamente per 30 giorni, presentano limitazioni  che rendono spesso impossibile completare e stampare una certificazione: non potrai,  cioè, presentare ufficialmente una certificazione fatta con la versione di prova.

 

Le 8 caratteristiche differenzianti

Tra tutte le caratteristiche di un software, ho scelto le 8 che, a mio avviso, fanno la differenza.

 

1. Inserimento dati: tabellare o grafico

La gestione dei dati è importante, specialmente se ci consente di avere una panoramica istantanea del nostro lavoro.

I dati necessari per produrre un Attestato di Prestazione Energetica (metri quadri, numero e dimensioni dei vani, posizionamento vano rispetto all’esterno e all’edificio, modello caldaia, tipologia finestre, ecc.) possono essere inseriti in forma tabellare o grafica.

La modalità grafica è quella che permette di inserire nel software direttamente la planimetria in formato Autocad, ed è considerata più intuitiva e immediata.

Alcuni, invece, si trovano meglio con l’inserimento tabellare ovvero l’inserimento nel software dei soli dati numerici (metri quadri, spessore pareti, dimensione finestre ecc).

 

2. Interfaccia grafica

A parità di modalità d’inserimento dati, ogni software presenta diversi gradi di difficoltà dovuti alle funzioni che deve svolgere e, soprattutto, al modo in cui queste ultime ci vengono presentate.

In alcuni casi l’interfaccia grafica risulta semplice e intuitiva, altri invece, presentano un notevole grado di complessità.

Una interfaccia grafica “friendly”, è senz’altro consigliabile, perché ti permette di risparmiare tempo, soprattutto all’inizio.

 

3. Rilevazione dati durante il sopralluogo

Se sei il tipo di persona che vuole avere tutto sotto controllo e detesta perdere pezzi, può essere molto utile avere incluso nel software un’app o una tabella in cloud che ti aiuti a non dimenticare i dati da raccogliere durante il sopralluogo.

Questa funzionalità non è, forse, il motivo principale che orienterà la tua scelta, ma è un plus interessante.

 

4. Moduli acquistabili separatamente

Tutti i software in ambito termico-energetico, sono composti da diversi “moduli”.

I moduli che ho preso in considerazione in questa analisi sono:

  • Il modulo-base per la Certificazione Energetica
  • Il Modulo Certificazione Energetica + L.10/91
  • Il modulo Cad per l’inserimento grafico

Alcune aziende forniscono un pacchetto base già completo di questi elementi (AQE, Legge 10 e Modulo CAD).  Altre Aziende, invece, danno la possibilità di acquistare separatamente i diversi moduli.

Io ho trovato molto utile comprare il modulo base per decidere, eventualmente in un secondo tempo, di ampliare il pacchetto.

 

5. L’assistenza

Altra caratteristica fondamentale è l’aiuto che le case software offrono in rete per risolvere dubbi o problemi che avrai quando farai la Certificazione Energetica.

Perché, di sicuro, avrai qualche problema!

E, spesso, i problemi non si fermano alla prima Certificazione, quando è normalissimo avere molti dubbi e difficoltà.

La materia per l’Efficientamento Energetico è vasta e in continuo mutamento. E, a meno che tu non faccia questo tutti i giorni, ogni volta che affronterai una nuova Certificazione Energetica avrai un nuovo problema/rompicapo da risolvere.

E allora diventa molto importante il giusto supporto, sia sul lato della normativa che per l’uso del software.

Tutti i software analizzati hanno forum, corsi gratuiti, webinar e tutorial su YouTube, a cui far riferimento.

Tuttavia arriverà il momento in cui la tua domanda sarà così particolare, che non troverà risposte in rete. A questo avrai bisogno dell’Assistenza personalizzata.

Generalmente tutti i produttori hanno un livello di assistenza buono o ottimo e, quasi sempre, è gratuita nel periodo di garanzia (1 anno).

Ma, attenzione, spesso, alla fine di questo periodo è necessario stipulare appositi contratti. E qui sta il trucco. Perché spesso sono molto “salati”, al punto che hanno un costo che va oltre il costo iniziale del software stesso.

 

 6. Gli aggiornamenti

Negli ultimi anni la normativa nel campo dell’efficientamento energetico si è evoluta a grande velocità. Tutti i software sono costretti ad adeguarsi in tempi rapidi, rilasciando aggiornamenti.

Non puoi evitare di utilizzare un software con l’ultimo aggiornamento, pena la decadenza di validità della Certificazione che vai a produrre.

Quasi tutte le case di software hanno gli aggiornamenti gratuiti nel periodo di garanzia (1 anno). Dopo vanno pagati a parte o stipulando appositi contratti. Spesso anche il costo dell’aggiornamento è notevole.

          7. Dispositivi

Windows è un sistema utilizzato quasi universalmente con cui tutti i software sono compatibili.

            La faccenda si complica se sei un utente Mac o Linux. In questo caso solo alcuni dei programmi analizzati offrono tale compatibilità.

 

         8. Grado di complessità del programma

Infine ho preso in considerazione i giudizi sulla “complessità e completezza” del software.

          In genere la complessità è direttamente proporzionale alle funzioni che è in grado di svolgere il programma. Ma non solo. Per questo ho dato:

  • 1 stella, per i programmi adatti a fare esclusivamente l’APE
  • 2 stelle, per i software in grado di fare APE + L.10
  • 3 stelle, per i software che partono dall’APE ma possono aggiungere tutti i componenti
  • 4 e 5 stelle per i software adatti alla progettazione impiantistica.

 


I 6 software sulla certificazione energetica leader nel mercato 


ACCA

Termus è forse il software più conosciuto e utilizzato sul mercato, nonostante abbia un prezzo medio-alto.

La sua popolarità è dovuta senz’altro alla capacità comunicativa della casa madre, ma anche alla versatilità dei suoi software e alla buona qualità dell’assistenza tecnica.

Termus offre, infatti, un valido aiuto con gli ottimi tutorial, i forum e moltissimi video su you tube.

 

BLUMATICA

Il software di Blumatica è tra gli ultimi arrivati sul mercato. Ma è, ormai, abbastanza conosciuto, perché offre un ottimo rapporto qualità prezzo.

Il suo vantaggio principale è l’ottima interfaccia grafica, che lo rende estremamente intuitivo e facile da usare.

Si distingue inoltre per altri due aspetti: l’alta qualità dell’assistenza offerta e per il fatto che è compatibile anche con Apple e con Linux.

C’è un’assistenza BASE che è gratuita, ma riguarda esclusivamente attivazioni e le “anomalie bloccanti”. Mentre l’assistenza telefonica personalizzata è a pagamento.

 

EDILCLIMA

Programma storico nel settore, è molto conosciuto tra gli addetti ai lavori, pur non essendo tra i più intuitivi.

Questo svantaggio è compensato, però, dall’alta adattabilità nella gestione di situazioni complesse e impianti non tradizionali.

Edilclima, inoltre, ha un ottimo servizio assistenza, che rimane gratuita anche dopo la scadenza della garanzia.

 

MC11300

Realizzato da Aermec, è possibile scaricarlo dal sito, sia nella versione Free che in quella Pro.

Non ha una vera e propria trial, ma la versione free ti permette di fare (e stampare) una Certificazione Energetica, quindi è comunque una prova del software.

Ha una media complessità e si trova nella fascia di prezzo più bassa.

Da segnalare che è l’unico che permette l’inserimento dati esclusivamente in tabella.

 

MC4

Prodotto complesso e costoso, è di certo adatto ai più esigenti e appositamente studiato per la progettazione di impianti.

Offre anche un sistema CAD integrato che lo rende piuttosto “pesante” e poco intuitivo. Ma di certo è un elemento importante nella progettazione.

Se, però, non fai progettazione di impianti, MC4 offre soluzioni intermedie sia dal punto di vista economico che di funzioni.

Interessante la possibilità di noleggiare il programma nella versione completa.

Oppure puoi utilizzare APEONLINE, che trovi, appunto, direttamente online, con il quale puoi fare una Certificazione Energetica pagando una piccola cifra per ogni Attestato redatto.

MC4 ha, inoltre, una notevole quantità di strumenti per risolvere i quesiti, sia relativamente al programma che alla normativa: forum, filmati, corsi gratuiti o webinar dedicati.

Da segnalare la compatibilità con Apple.

 

NAMIRIAL

Meno noto di Termus ma altrettanto valido.  Termo di Namirial presenta un’interfaccia grafica semplice e intuitiva e una buona assistenza.

Nella versione base Termo prevede l’inserimento dei dati solo in forma tabellare. Per avvalersi dell’ inserimento grafico, è necessario acquistare un modulo aggiuntivo.

 

Ho qui riassunto, in una tabella, le caratteristiche principali dei 6 software aggiungendo anche dei riferimenti al costo.


Conosci o utilizzi altri software per la certificazione energetica? Faccelo sapere e dacci il tuo parere.

Per domande o dubbi, lascia pure nei commenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e ti è stato utile, non tenerlo tutto per te, condividilo!

Scelta del software per la certificazione energetica: le 8 caratteristiche a confronto.
5 (100%) 1 vote
Stefania O
Stefania O
Architetto da 20 anni, mi occupo di progettazione architettonica e progetti del verde, con qualche incursione nel risparmio energetico. Dal 2017 ho fondato Domus Fab

8 Comments

  1. Manuel ha detto:

    Salve, sono un architetto che da poco ha iniziato ad occuparsi di certificazione energetica.
    Volevo sapere se ad oggi, il software Blumatica è ancora valido.
    Lo chiedo perché un paio di anni fa, parlando con un collega che si occupa di Certificazioni Energetiche da sempre
    venni a sapere da lui che doveva sostituire il software blumatica perchè non era più riconosciuto dal CTI

    Ora immagino lo abbiano aggiornato?

    Saluti
    M.A:

    • Mario P Mario P ha detto:

      Ciao Manuel, mi pare strano che una casa software così nota abbia avuto un periodo in cui non era in possesso della certificazione del CTI.
      Non sono in grado di risponderti per il passato. Adesso è certamente in regola. Leggo che il loro software per l’APE ha la Certificazione CTI aggiornata il 15/03/2017.
      Essendo tu nuovo al mondo dell’APE, spero che gli articoli del blog ti siano di una qualche utilità. Se hai bisogno di qualche altra informazione, nei limiti delle mie conoscenze, ti aiuto volentieri.
      Se non sei iscritto al sito, fallo tranquillamente. Non costa nulla e stiamo per implementare i contenuti e la possibilità di interazione tra gli iscritti. Questa è una Community di professionisti e ogni nuovo iscritto porta il suo contributo di professionalità e di curiosità per crescere insieme.
      Grazie
      M.

  2. Manuel ha detto:

    Ciao Mario ora mi iscrivo subito,

    Ho confuso i software, ma era un ricordo molto vago…. BM era effettivamente il software che il collega, e amico acquistò per sopperire al problema..

    Per ora grazie delle info e buon lavoro a tutti.

    A presto su questi schermi.

    M

    • Mario P Mario P ha detto:

      🙂

      Sono contento che hai colto lo spirito del sito.
      Appena avrai completato il profilo con le tue competenze, sarai parte della community a tutti gli effetti.
      Ti suggerisco di mettere immagini del tuo portfolio, se ne hai, o semplicemente dire qualcosa di te.
      Consiglio? Se hai una foto del viso metticela. Il profilo pubblico è anonimo ma il viso è il primo biglietto da visita di ognuno.

      A presto … surfando sulle onde del web

      M

  3. Giorgio ha detto:

    A quanto mi risulta il software MC11300 ha gli aggiornamenti gratuiti anche per la versione PRO
    L’assistenza è ottima per certi casi anche meglio di Blumatica

  4. Alberto ha detto:

    Blumatica oggi è il top e credo anche il più utilizzato. Tutti i miei amici e colleghi oramai lo utilizzano abbiamo deciso tempo fa di rottamare il precedente e “blasonato” software utilizzato studi di spendere cifre assurde per gli aggiornamenti e complice, lato Blumatica, un prezzo 10 volte inferiore agli altri e che ci rendeva perplessi sulla scelta che, una volta effettuata, è stata davvero incredibile. Nella tabella sopra ho notato anche una imprecisione: Blumatica offre anche i tutorial compresi e gratuiti.

  5. Alberto ha detto:

    Ah, dimenticavo: i software Blumatica sono gli unici ad avere (una loro idea) il SaaT (software as a teacher), ossia un sistema che ti spiega passo passo, mentre si utilizza il software, cosa devi fare e perché, con tanto di stralcio di normative e norme UNI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *