Quanto dura la certificazione energetica? - DomusFab
parallax background
DomusFab - Calcolo costo dell'architetto
Un semplice metodo per calcolare il costo dell’architetto
24 giugno 2018
4 cose da sapere se devi fare un APE
24 luglio 2018

La Certificazione  Energetica (o APE) ha durata 10 anni.

Devono, però, essere rispettate 4 condizioni.

 

 

 

 

 

1° CONDIZIONE: LA CALDAIA SIA IN REGOLA CON IL BOLLINO BLU

Il certificatore energetico quando fa il sopralluogo deve verificare che l’impianto sia a norma.

Deve cioè prendere visione del Libretto della Caldaia e accertarsi che sia presente un  rapporto di controllo dell’efficienza energetica valido (il cosiddetto “bollino blu”).

Il certificatore dovrà poi Allegare il libretto, in originale o in copia, all’attestato di prestazione energetica.

Se non è possibile prendere visione del libretto o il libretto non è aggiornato, il Certificatore NON PUÒ validare l’APE per 10 anni.

 

2° CONDIZIONE: LA CALDAIA RIMANGA IN REGOLA CON IL BOLLINO BLU PER TUTTA LA DURATE DELL’APE

Ovvero la caldaia deve essere sottoposta regolarmente al controllo dell’efficienza energetica, secondo le scadenze riportate sul Libretto.

Se, nell’arco dei 10 anni, la caldaia non viene regolarmente revisionata, l’APE decade.

 

3° CONDIZIONE:  L’IMPIANTO TERMICO NON SUBISCA MODIFICHE PER 10 ANNI

Di che modifiche stiamo parlando? A titolo esemplificativo ma non esaustivo:

  • la trasformazione da impianto termico centralizzato a impianto autonomo.
  • la sostituzione della caldaia  (anche con un modello migliore e più efficiente).

In realtà nella pratica si possono verificare molti altri casi che portano alla decadenza dell’attestato. Non te li elenco per non annoiarti, ma se vuoi approfondire puoi usare i commenti all’articolo per le tue domande.

 

4° CONDIZIONE: LA CASA NON SUBISCA MODIFICHE SOSTANZIALI PER 10 ANNI

Parliamo di modifiche che incidono sulla prestazione energetica. Come ad esempio:

  • interventi migliorativi su almeno il 25% della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio, come la posa di un cappotto termico.
  • l’aggiunta di una serra solare.
  • la sostituzione dei serramenti.
  • ampliamenti della superficie o del volume della casa.

Se, nell’arco di 10 anni, la casa subisce una ristrutturazione che porta ad una alterazione della resa termica, l’APE decade.

Riepilogando: abbiamo 4 condizioni che devono essere rispettate

occhiali appoggiati su agenda con computer per fare la certificazione energetica

Photo by Trent Erwin on Unsplash

  • prima di fare l’ape la caldaia deve essere in regola con il bollino blu;
  • la caldaia deve rimanere in regola con il bollino blu negli anni;
  • l’impianto non deve subire modifiche
  • la casa non deve subire modifiche sostanziali

Solo se si verificano tutte e 4 le condizioni, l’attestato di prestazione energetica ha validità di 10 anni.

Se, invece, la caldaia non è in regola con il bollino blu, l’APE ha validità solo fino al 31 dicembre dell’anno in cui è stato redatto.

Se, infine, viene meno una delle altre tre condizioni, la certificazione energetica DURA 1 ANNO e scade il 31 dicembre dell’anno in cui sono cambiate le condizioni dell’impianto o dell’involucro della casa.

Un bravo tecnico saprà indicarti, nel caso di particolari interventi qui non riportati,  quando l’APE rimane valido o decade.

Per qualsiasi dubbio o domanda lascia un commento o vieni sulla pagina Facebook di DomusFab!

tempo di lettura: 2 minuti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stefania O
Stefania O
Architetto da 20 anni, mi occupo di progettazione architettonica e progetti del verde, con qualche incursione nel risparmio energetico. Dal 2017 ho fondato Domus Fab

2 Comments

  1. BARLATTANI LUIGI ha detto:

    DEVO VENDERE UN APPARTAMENTO DI 48 MQ (LIBERO DAL 2018) NEL COMUNE DI VASANELLO (VT)
    MI CHIEDONO APE MA ANCHE IL BOLLINO BLU DELLA CALDAIA,
    ULTIMO FATTO DI BOLLINO BLU 2017.
    CONVIENE ASPETTARE DI FARE L’APE E QUINDI DI FARE ANCHE IL BOLLINO BLU, QUANDO AVRO’ TROVATO IL COMPRATORE? DA COME HO CAPITO.
    IN MODO DI PAGARE SOLO 1 ANNO. PERCHE SE FACCIO L’APE SUBITO DEVO PAGARE OGNI ANNO IL BOLLINO BLU.
    E’ GIUSTO
    CERTI DI UNA VS GRADITA RISPOSTA
    CORDIALI SALUTI BARLATTANI LUIGI

    • Mario P Mario P ha detto:

      Ciao Luigi,
      io farei subito il bollino blu.
      La normativa a cui fai riferimento è stata adottata non solo per ragioni di risparmio energetico ma anche per questioni di sicurezza.
      La manutenzione annuale è sempre un obbligo di legge.
      Una volta che l’impianto sarà di nuovo in regola,
      puoi richiedere l’APE e questo avrà una validità di 10 anni, finché la manutenzione verrà regolarmente effettuata e non interverranno altre modifiche come quelle che hai letto nell’articolo.
      Sii ottimista, vedrai che il prossimo anno non sarà più compito tuo ma del nuovo proprietario.
      Inoltre, se al tecnico a cui darai l’incarico di farti l’APE chiederai di valutare almeno un paio di interventi con cui migliorare le prestazioni del tuo appartamento e il relativo tempo di ritorno dell’investimento, fidati che riuscirai a venderlo anche prima.
      Spero di esserti stato utile.
      Se hai bisogno di qualche chiarimento sugli interventi migliorativi, scrivimi pure.
      Un saluto.
      Mario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *